Il sito Archeologico di Olbia - Campeggio Clair de Lune - Francia - Hyères - Penisola di Giens - Var (Provence Côte d'Azur)

Le vostre vacanze

Turismo

Informazioni interessanti riguardo il turismo dei paesi circostanti.

Il sito Archeologico di Olbia

Sito archeologico di OlbiaBuongiorno e benvenuti a Olbia !



La squadra del sito archeologico di Olbia -servizio cultura e patrimonio - ha il piacere d'informarvi che, i resti dell'antica Olbia possono essere visitati.

Controllato dal centro di Monumenti nazionali dal 1999 al 2006, il sito é stato recentemente trasferito nella città di Hyèeres. La sua riapertura al pubblico, e particolarmente al pubblico scolare, costituisce una priorità per il comune nel quadro del progetto di restaurazione in corso.

Gli insegnanti che desiderano realizzare un progetto pedagogico legato a questo sito possono, su prenotazione, beneficiare di un servizio di accoglienza personalizzato per accompagnarli durante la loro visita.

Un sito unico in Francia



Situato su un leggero rilievo nei pressi del mare, Olbia é l'unico testimone di una rete di colonie e fortezze greche, fondate da Marsiglia nel IV secolo A. C., con lo scopo di proteggere il commercio marittimo. I resti aggiornati donano una visione pedagogica di primo ordine per comprendere l'evoluzione urbana di una città antica con 1000 anni di esistenza. Ci troveremo : fortificazioni, strade designate con marciapiedi, pozzi collettivi, spazi d'abitazione tagliati come delle case, negozietti, terme, santuari etc.

La vita a Olbia



''Aquarelle : J.M. Gassend''Il suo piano prestabilito permette una ripartizione uguagliata tra le famiglie, rispondendo alle esigenze militari della piccola fortezza : uno spesso ripartimento quadrato, case con torri quattro quartieri identici delimitati per due vie perpendicolari. L'unica porta della città, apriva sul porto, oggi insabbiata.

Abitanti di Marsiglia, i primi Olbiesi erano soldati-colonna, pescatori e agricoltori.



Nel 49 A.C., la conquista di Marsiglia da parte di Cesare marca l'inizio della romanizzazione totale della regione. L'attività econimoca di Olbia é nonostante questo mantenuta, anche rinforzata, come ne testimoniano numerosi cantieri che si aprirono durante quel periodo.



Sulle rovine dell'antica città, totalmente abbandonata dal VII secolo, la baia Saint-Pierre dell'Almanarre fu costruita nel 1221 e occupata fino alla fine del XIV secolo.



Una formidabile riserva archeologica



Identificata nel 1909 grazie a un iscrizione latina, i resti di Olbia siscitarono l'interesse scientifico dal XIX secolo. I resti furono sempre l'oggetto di studi e nuovi fogli ancora sono programmati per i prossimi anni.



Come possiamo visitare il sito?



Orari di apertura al pubblico :

  • aprile, giugno, settembre e ottobre : tutti i giorni dalle 9h30 - 12 e dalle 14h alle 17h30, tranne domenica, lunedi e 1o maggio.
  • luglio e agosto : tutti i giorni dalle 9h30 alle 12 e dalle 15h30 alle 19h.
  • novembre e marzo : su appuntamento


Orari delle visite guidate (minimo 5persone - prenotazione consigliata) :

  • aprile, giugno, settembre e ottobre : 10h (riservato alle scuole), 11h, 15h
  • luglio e agosto : 10h, 11h, 17h, 18h


Tariffe :

  • Entrata : 2€ a persona o 1€ a persona per i gruppi costituiti da almeno 10 persone
  • La visita guidata : 2€ in piu' rispetto al costo dell'entrata


Tariffa speciale per i gruppi scolastici o para-scolastici : 10€ per i gruppi con accompagnatori (massimo 35persone)

Gratuiti, sulla presentazione di un giustificativo, per i :

  • Minori di 18anni - accompagnati da un adulto-
  • Studenti
  • Beneficianti dell'RSA
  • Titolari della tessera adulta per portatori di handicap
  • Titolari di carte : Educazione Nazionale, ICOM, Presse, Guida

Sito archeologico di Olbia - Quartier de l'Almanarre - 83400 Hyères - 00334 94 65 51 49

Page top