La Città Medievale - Campeggio Clair de Lune - Francia - Hyères - Penisola di Giens - Var (Provence Côte d'Azur)

Le vostre vacanze

Turismo

Informazioni interessanti riguardo il turismo dei paesi circostanti.

La Città Medievale

Hyeres-plan vieille villeSituata a 10km dalcamping, la città antica corrisponde alla parte medievale del paese.

Gli storici pensano che gli abitanti di Olbia vennero a rifugiarsi su questa collina che presentava delle fortezze naturali.

La porta Saint Paul

Hyeres-Porte st paul.jpgSituato nella città antica, accanto alla cappella San Paolo, questa porta é una di quelle che permettevano l'accesso alla parte alta della vita attraverso il secondo recinto.

In effetti la città di Hyères con il suo castello era una città fortificata, la sua difesa era composta da 3 recinti : il primo circondava il castello, il secondo proteggeva la parte alta della città e il terzo si estendeva fino all'attuale piazza della Rade. La muraglia che difendeva la città formava dunque 3 grandi recinti.

La prima, molto limitata, circondava l'antico castello. Questo recinto aveva due porte, la prima all'interno del midi, era fiancata da due torri rotonde : era l'entrata principale del castello, in un lato della cità. L'altra esteriore, si apriva ad ovest, sulla campagna, accanto a Toulon. Questa porta era difesa da una torre rotonda, piazzata all'estremità di una struttura formata da una proiezione considerabile, di fronte al muro principale. Questa torre serviva senza alcun dubbio come punto di controllo e di guardia; crediamo che la sua base era una cisterna.

La seconda recinzione, partendo dalla prima, a est, raggiungeva la porta della Souquette o di Pierrefeu, situata faccia a faccia e al di sotto del convento di St-Bernard, che il comune ha fatto completamente demolire. Da quel punto scende al sud, fiancheggiando il convento. Poi, per un ritorno alla piazza, verso sud-ovest, arriva alla porta di Balue ou Barue (Basse-strada), dopo aver esplorato della Barbacane, fino al ponte di San Paolo, dove si confonde con le mura dell'edificio. Da quel punto, il recinto, che su questo punto é completamente sparito, scende a ovest, tra la chiesa e l'antica scuderia reale, seguendo la Rue Cafabre, per accedere alla porta che ha lo stesso nome. Da qui, il recinto risale verso nord fino alla posta di Saint-Jean. Un po' più distante il secondo recinto si confonde con il primo e come il terzo del quale ora parleremo, che era fortificato da distanza a distanza, con delle torri quadrate, scolpite al loro vertice, delle quali la maggioranza esistono ancora.

Il terzo recinto, dove la muraglia e le torri sono ancora ben conservate, su diversi punti, partendo dalla porta Cafabre, scendendo in linea diritta fino alla rue de Limans dove segue il tracciato e declina in angolo diritto, fino alla porta del Fenouillet, vicino alla quale il casale dei mulini entra in città. poi raggiunge la porta del Portalet (piccolo portone) dove si trovava instaurato lo studio di ricette delle imposte municipali del Piquet. Il recinto seguiva in seguito la rue des Porches, fino alla porta della Rade o Grand-Portail. In seguito risale da qui fino al convento dei Cordeliers che era fiancheggiato fino alla chiesa di Saint-Louis con la quale si confondeva; da questo punto rendersi all'ultima porta detta Porta-Nuova o Portone-Nuovo, che si apriva al punto di riunione della rue du cimetière (oggi rue de la Republique), della rue Neuve-de-Bourgneuf e della piazza del gioco del pallone, accanto ad una torre che era sottostante alla rue du Rempart; da qui infine la muraglia si lega al convento di St-Bernard, dove si raccorda con il secondo recinto.

Il castello Sainte-Claire

Hyeres-castel.jpgRimpiazza il covento dello stesso nome, edificato nel 17imo secolo e venduto come bene nazionale nel 1793. Costruito nello stile neo-romano dopo il 1849 da Olivier Voutier (1796-1877), marino e archeologo, partiggiano dell'indipendenza greca e scopritore della Vénus de Milo, é inquadrato da due torri ricche di fantasia.

Fu abitato dallo scrittore americano Edith Warhton dal 1927 al 1937.

La città di Hyères lo acquisto' nel 1955 e furono realizzati dei lavori dall'architetto Hyerese David, che modifico' la facciata principale in modo notevole. Il parco nazionale di Port-cros ha affittato il

La porta della Rade

La porta della rade si affaccia sulla rue Massillon ; é una strada molto commerciale (pescherie, panetterie etc.) che sale fino alla torre dei Templiers.

La Torre dei Templiers

Hyeres-Templiers 1.jpgLa Torre dei templiers o Torre Saint-Blaise é la sola testimone che ci resta della presenza dei templiers alla fine del 12simo all'inizio del 16simo secolo nella città di Hyères.

STORICO

Nel 1198, prima menzione di una casa del tempio a Hyères e del suo comandante Jordan. La torre faceva parte di un importante insieme che comprendeva ugualmente al 13simo secolo un "casale" (circondato da terre coltivabili) e di dipendenze diverse : granaio, stalle, fucina, forno... Queste residenze si dividevano intorno ad un enorme roccia "le piol", sulla quale si appoggiava la torre, e che sussisterà fino all'inizio del 19simo secolo.

La casa del tempio di Hyères disponeva di terre, legna, vigne, uliveti etc... situata sia a prossimità della città, sia al quartiere delle Bormette, sia, per la maggior parte delle terre lavorabili nella valle della Sauvebonne. Si trattava infatti di un ernome esplorazione agricola.

Come tutte le case di questo tipo, il suo ruolo consisteva a survisionare il materiale, grano, foraggio, argento, eventualmente cavalli e uomini, le unità combattenti di Spagna e della terra santa. E' comunque possibile che abbia avuto una certa attività portuaria tramite le installazioni templiere di Toulon che, a quanto pare, era sotto il suo dominio.

I templiers erano conosciuti per essere degli eccellenti dirigenti delle loro terre. Dai primi anni dell'ottavo secolo, la casa del tempio di Hyères era capace di rimettere in conto ad Alfonso II un'importante quantità di grano.

In seguito, e fino alla cancellazione dell'odine del tempio, alcun documento d'epoca ci da dettagli sui beni e l'attività della casa di Hyères. A malapena troviamo qualche menzione dei suoi comandanti : Bertrand de Gardanne (1213), Isnard Ricard (1236), Lambert (1256), Guillaume Dalmas (1271). Comunque, alcuni documenti del XIV secolo ci confermano l'idea che le terre templiere erano particolarmente curate. In più, la presenza di residenze della casa del tempio all'esterno delle divisioni di Hyères sicuramente giocano molto nella strutturazione del Borgo-nuovo, che allora era in fase di costruzione, nonostante questa situazione la torre ne faceva un punto avanzato della difesa della città e dei suoi accessi.

Hyeres-Templiers 2.jpg Alla fine del XIII secolo, e anche dopo la caduta di Saint-Jean d'Acre (1291), l'ordine dei templiere si ridusse. La casa di Hyères et di Péirassol furono riunite sotto l'autorità di un solo comandante, Raymond des Angles. Nel gennaio del 1308, durante l'arresto generale dei templiers in Provenza, la lista stilata dalla casa di Hyères non comprendeva più di tre nomi, oltre a quello del comandante.

Dopo la cancellazione dell'ordine del tempio, i suoi beni furono donati al centro ospedaliero di saint-Jean-de-Jerusalem. A Hyères, furono dunque sotto il controllo del comando ospedaliero di Beaulieu (Non lontano da Solliès) che prima appartenevano a diversi privati. Ma nel 1673, li cedette alla città, da enfiteusi, con un reddito annuale di 210 libri. L a cappella fu lasciata ai penitenti blu fino al 1765, nella quale data il comune la trasformo' in una halle. Nel 1769 al 1770, si procedette alla sistemazione di un livello intermedio, con demolizione e costruzione di una scala interna.

In seguito a questi lavori, la cappella fu usata sempre da boutiques, la sala superiore serviva come soffitta, e il piano intermedio creato fu utilizzato come sala di riunione per il consiglio municipale che continuerà a tenersi fino al 1913.

La strada des Porches

Hyeres-Porches.jpgRappresenta lo spazio libero che toccava la facciata interna della recinzione che da Aix ad Avignon, viene ancora chiamata "rue des Lices".

Le costruzioni che vi si trovato e che sono valsi il suo nome e la sua pittura datano del 18simo secolo, quando il recinto era stato quasi rimpiazzato da alcune abitazioni.

Mantenuta da archi, le hanno permesso di avere un volume abitabile e spesso di rilegare le due sponde della strada.

La strada du Repos

Hyeres-Repos.jpgLe sue sponde sono bordateda frammenti di facciata che servono da muri di sostegno, anche al giardino.

Le tracce più importanti si trovano a destra salendo verso St-Paul. Questa costruzione curata, con piccoli apparecchi assistiti da una catena ad angolo, probabilmente del 14imo secolo, é il primo livello di angolo di una casa che avanza sull'allineamento della strada e presenta, di fronte alla pendenza, la sua porta d'entrata che é stata murata, e l'arco in pieno centro.

Sulla facciata sud, quattro corbini di pietra marcano il posto di una tenda o di un pavimento a sbalzo.

La rue Bourgneuf

Hyeres-BourgNeuf.jpgE' una delle piccole stradine della città antica, tra la rue Neuve e la rue du Trou de Laser, che portano al castello.

La piazza della République

Hyeres-Republique.jpgDietro la statua di Massillon si estende la Piazza della Republica. Su di essa si trova il tribunale e la chiesa di St-Luis.

E' una piazza sempre all'ombra grazie a due gandi piante; é circondata da belle facciate della prima metà del 19simo secolo, travi regolari, ornamentate da porte possenti con opera di falegnami e Per avere più foto consultate questo sito


Page top